Hardenbergia violacea - 2

Bonus verde: detrazione delle spese per giardini, anche per la seconda casa

Con il bonus verde detrai le spese per giardini, terrazzi e sistemazioni a verde. Pagamenti tracciabili, detrazione al 36% in dieci anni

Hardenbergia violacea - 2

Hardenbergia violacea: i primi fiori dell’anno

Il bonus verde è stato introdotto dalla legge di Bilancio 2018 (legge 27 dicembre 2017, n.205).  Consiste in una detrazione IRPEF decennale per gli interventi di “sistemazione a verde” di aree scoperte di pertinenza delle unità immobiliari private di qualsiasi genere.

Quando visitate i Vivai Frappetta, verificate se il vostro acquisto è compatibile con il bonus verde e chiedete che cosa bisogna fare per ottenerlo!

AGGIORNAMENTO!

Il bonus verde è stato aggiornato anche per il 2019. Siamo a disposizione per fornirvi tutte le informazioni  su come ottenerlo, durante la visita ai nostri vivai. Non esitate a contattarci!

Come funziona la detrazione con il bonus verde

Il bonus verde  consente di detrarre il 36% delle spese documentate (per un massimo di 5.000 Euro) per interventi di:

a) “sistemazione a verde” di aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e realizzazione pozzi;

b) realizzazione di coperture a verde e di giardini pensili.

L’importo massimo su cui effettuare le detrazioni è di 5,000 Euro per unità abitativa, ed è a favore di chi detiene o possiede l’immobile, sulla base di un apposito titolo. Il bonus verde vale anche per la seconda casa (purché a uso residenziale), ma non vale per le attività commerciali (ad esempio uffici o negozi). Il limite di 5.000 euro su cui calcolare la la detrazione è riferito alla singola unità abitativa.

Bonus verde per i condomini

La detrazione vale anche per le spese sostenute nelle parti comuni esterne degli condomini, fino ad un importo massimo complessivo di 5.000 euro per unità immobiliare ad uso abitativo. Le parti comuni esterne sono definite dagli articoli 1117 e 1117-bis del codice civile.

Pertanto  la detrazione spetta al singolo condomino nel limite della quota a lui imputabile, sempre che sia stata effettivamente versata al condominio entro termini di presentazione della dichiarazione dei redditi.

Attenzione ai locali ad uso commerciale!

Se gli interventi che danno diritto al bonus verde sono fatti su  su unità immobiliari residenziali utilizzati per attività commerciali (o adibiti all all’esercizio dell’arte o della professione) la detrazione spetta solo per il 50%

E se vendo casa?

In caso di vendita della casa su cui  quale sono stati realizzati gli interventi, l’acquirente potrà usufruire della la detrazione non utilizzata in tutto o in parte è trasferita, per i rimanenti periodi di imposta. In caso di decesso, il bonus verde si trasmette esclusivamente all’erede che conserva la detenzione materiale e diretta del bene.

Come si effettua il pagamento per il bonus verde?

Per ottenere la detrazione del bonus verde è necessario che i pagamenti siano effettuati con strumenti idonei a consentire la tracciabilità delle operazioni. Non si possono utilizzare pagamenti in contanti, ma vanno benissimo assegni bancari, postali o circolari non trasferibili. Si possono anche fare pagamenti con carte di credito, di debito e bonifici.