Antracnosi

Fitoiatria: Funghi: Antracnosi

Antracnosi su Magnolia

ANTRACNOSI SU MAGNOLIA

Con tale termine si indicano infezioni che producono aree necrotiche bruno-nerastre sulle foglie e lesioni cancerose o strozzature su rametti e piccioli; le parti così colpite disseccano con conseguente filloptosi (caduta delle foglie). Queste alterazioni vengono causate da miceti appartenenti ai generi ColletotrichumGloeosporiumGnomoniaSphaceloma.

Gli ospiti più colpiti da antracnosi risultano: azalea, camelia, ciclamino, gardenia, rosa, noce, nocciolo, platano, quercia, e tiglio.

DIFESA

Contro questi patogeni possono essere effettuati trattamenti chimici con i seguenti gruppi di fungicidi:
– Isoftalonitrili: clortalonil;
– Ditiocarbammati: tiram, ziram, mancozeb (garofano, pioppo, rosa), zineb (garofano, pioppo, rosa);
– Tiocianochinoni: ditianon;
– Sali di rame: ossicloruro di rame, poltiglia bordolese, idrossido di rame;
– Tiofanati: tiofanate-metile;
– Imidazoli: procloraz (garofano, rosa).

Antracnosi su Liriodendro

ANTRACNOSI SU LIRIODENDRO