SUSINCOCCO BIRICOCCOLO Prunus x dasycarpa

15,00

CL:volume del vaso in Litri

Svuota
COD: 306800 Categorie: ,

Descrizione

Il Susincocco Biricoccolo Prunus x dasycarpa è un ibrido naturale derivato dall’incrocio del Mirabolano (Prunus cerasifera) con l’Albicocco (Prunus armeniaca).

CARATTERISTICHE

Il Susincocco Biricoccolo viene in alcune zone chiamato Albicocco Nero, Albicocco Viola o Albicocco del Papa.

E’ conosciuto sin dal 1700, coltivato inizialmente in Emilia, Lombardia, Veneto e poi successivamente in Campania, nella zona Vesuviana.

Essendo un ibrido la propagazione deve avvenire per innesto sul Mirabolano (Prunus cerasifera), utilizzato anche come portinnesto dell’albicocco e susino.

CLIMA IDEALE

E’ pianta molto rustica che tollera il freddo (-20°C), il vento e i più comuni parassiti delle piante da frutto.

TERRENO

E’ una specie molto rustica: resiste al freddo, alla siccità, e si adatta senza problemi ai terreni argillosi e calcarei.

FIORITURA E FRUTTI

La fioritura è molto appariscente per la bellezza dei fiori bianchi.

I frutti vengono prodotti a metà giugno (Italia centrale), la produzione è scalare, il sapore ricorda sia quello del Susino che quello dell’Albicocco.

SUSINCOCCO BIRICOCCOLO

Il frutto del SUSINCOCCO – BIRICOCCOLO – Prunus x dasycarpa

Il frutto non spicca, è deliquescente ed ha un buon sapore. L’ammollimento della polpa indica che la maturazione è raggiunta, segnalata anche dal viraggio del colore dal verde al rosso intenso.

Perché fruttifichi in abbondanza deve essere impollinato da uno o più albicocchi, da piantare nelle vicinanze.

MALATTIE E PARASSITI

Non viene attaccato da avversità particolari, se si esclude la presenza di afidi nel periodo primaverile, comune a quasi tute le piante ornamentali e da frutto, che sopporta comunque senza gravi danni.

CURIOSITA’ CULTURALI
E’ propagato per via vegetativa tramite innesto, in quanto i semi di questo ibrido sono sterili.
Questa Rosacea ha un portamento quasi arbustivo con una chioma molto fitta e con rami che spesso partono dalla base.
La pianta, se non potata, tende ad allargarsi molto, mentre difficilmente si innalza più di 4-5 m.
La vigoria del biricoccolo è elevatissima ed una buona potatura favorisce l’arieggiamento all’interno della chioma.
Di inverno perde le foglie, come del resto succede ai suoi progenitori, lasciando intravedere le gemme a fiore e quelle a legno.

più: http://www.crea.gov.it